Tre inediti di Matteo Maragna


***
Una foglia cadeva con moto elicoidale,  
abbandonata, e in un lieve crepitare
sfiorava le altre foglie accese.
Così anche noi, nel nostro respirare,
ci avviciniamo ad altre vite attese
eterni e soli in questo volteggiare.



***
E dove andrai ora?
Hai già ignorato
che l’Oriente è falso
come l’Occidente?
Tutti i luoghi della terra
hanno nel loro nome
un suono che ricorda
la fatuità dell’uomo.



***
Guarda e poni fine al conflitto.
Le tue mani non celino i solchi
delle esplosioni di una guerra
eterna come il loro fumo,
che è il respiro di chi tutto odia.

Termina il duello con te stesso
prima che le purpuree gocce
ricadano sulle teste di chiunque;
e i tuoi versi chiamino “bellezza” 
ogni artificio rinnegato dall’amore.



Matteo Maragna, (Ivrea, 1987), ha esordito in poesia con Omero non guardarci così, (Aletti Editore, 2019). Diplomato geometra, vive a Cuorgnè, in provincia di Torino. Attivo nei poetry slam, ha fatto parte del movimento M.E.P. (Movimento per l’emancipazione della Poesia). Le poesie presentate sono inedite.

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...