Poesie da La natura selvaggia, di Beloslava Dimitrova

da La natura selvaggia, di Beloslava Dimitrova, Traduzione di Emilia Mirazchyska e Danilo Mandolini, Arcipelago Itaca, 2017. Prefazione di Danilo Mandolini

La natura selvaggia

la dea madre gelata è potente
la penso come un’entità viva
tutte le piante sono rannicchiate
gli animali sono in attesa
guardano e non si muovono
questo rito è importante
più importante della vita
ci prepariamo all’immersione nelle acque
tutti sperano
che la ragione umana venga a galla
bagnata e pura
siamo verdi o moriamo


Uccelli

due mettono su famiglia
hanno un figlio
per lungo tempo sono innamorati
una notte giacciono
nel loro letto
lei si alza
dice che se ne va
nel dormiveglia lui non sente bene
richiude gli occhi
lei vola via dal balcone
muore
senza spiegazioni e senza essere capita


* * *

L’oceano si spacca
diviene rifugio dei sensi
ci raggeliamo
io e le altre persone
aspettiamo
che il Mondo ricominci
daccapo


Natura #2

la rete era
aggrovigliata sapevo
che qualcosa mi sarebbe potuto capitare
d’improvviso appare un essere a sangue caldo
gli sono dentro
posso morire



Natura #3

sotto l’albero un grido
fossili si rovesciano
sulla mia testa
due animali si amano
in particolare per questo li invidio
comprendo la situazione
in cui mi sono trovata
la brama inopportuna
per l’agire per la pace
né con dio né con te
potremmo discutere
gli altari sono lavati da tempo
fisso quel possibile attimo di felicità
e cerco di non muovermi




Beloslava Dimitrova è nata il 2 aprile 1986 a Sofia, Bulgaria. E’ laureata in Lettere, Filologia tedesca e Comunicazione. Per alcuni anni ha lavorato alla Radio Nazionale bulgara come conduttrice di un programma pomeridiano orientato ai giovani ascoltatori; dal dicembre 2016 lavora come giornalista per il sito “Sofia Live”. Alcune sue poesia sono state pubblicate su varie testate telematiche. Nel 2012 pubblica il suo primo libro di poesie, Inizio e fine (Casa editrice dell’Università di Sofia). Nell’aprile 2014 esce la raccolta di versi La natura selvaggia (ed. Deja Book)

Leggi anche: Beloslava Dimitrova POESIE SCELTE da La natura selvaggia Arcipelagoitaca, 2016 – con un Commento impolitico di Giorgio Linguaglossa: Il quotidiano c’è ma come messo in vitro, in un alambicco, vivisezionato e porzionato – La finzione dell’io è un palcoscenico vuoto e spoglio, su L’ombra delle Parole, 24 aprile 2017

4 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...