Fabrizio Boscaglia: quattro poesie inedite

***

Dove sgorga il vento,
è lì che sto guardando,
alla sorgente
del mio andare
verso un remoto presente.




***

È notte in una stanza,
giorno nell’altra.

In transito
tra la paura e l’alba
del vivere pieno.




Io

Un muro
un foglio bianco.

Il candore
di questo enigma.



Ombre

Stanno, su muri d’estate
maschere obliate
nere infuocate.

Ombre di donne,
di frasche d’ulivo.

Le coglie il vento,
nunzio del Sottile.





Fabrizio Boscaglia è nato a Torino nel 1981 e vive a Lisbona, in Portogallo. Ricercatore e docente al dipartimento di Studi Religiosi dell’Università Lusofona, studia i dialoghi tra la cultura portoghese e quella islamica ed ha curato l’edizione di manoscritti e poesie di Fernando Pessoa. Ha all’attivo numerosi saggi, conferenze ed eventi culturali. Ha curato mostre alla Biblioteca Nazionale del Portogallo e ha collaborato col Museo Calouste Gulbenkian. Il ritorno dell’anima, (Ladolfi Editore, 2021) è la sua prima raccolta poetica, riunisce versi scritti nel transito tra gioventù e adultità, in un percorso intimo, non privo di apparenti deviazioni, che col tempo lo ha portato a incontrare la via spirituale del Sufismo.

Leggi anche, nel blog:
Il sonno, la parola ed il risveglio. Su “Il ritorno dell’anima”, di Fabrizio Boscaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...