Poesie da “Si resta sempre altrove” di Stefano Vitale

Stefano Vitale, Si resta sempre altrove, puntoacapo Ed., 2021
Prefazione di Alessandro Fo, postfazione di Alfredo Rienzi



PROLOGO

Noi non sappiamo da dove né come
possano piovere scarne parole
sullo specchio scheggiato si riflette
il nostro viso ora felice e ubriaco.

Ma siamo questa forma che rinasce
e si deforma nella necessità
del dire dove si nasconde l’inganno
ma pure la saggezza che ci resta.

Nell’incerta geografia della mente
pulsa una materia misteriosa
impasto di errori e furori
puro cristallo e lucidi coltelli.


(p. 15)



La misura di noi

Ruota la terra aggrappata al suo asse
nel moto del fuoco nascosto
il corpo si muove in ordine sparso
saremo altro da quello che siamo?

Sentiremo una voce, la nostra?
indicarci la misura di noi
pietà della Specie per  i poeti,
i ribelli, gli amanti traditi.

Intanto noi qui restiamo
ancora distanti, rapiti dal canto
di porte sbattute dal vento.

(p. 39)



*
Mi guardo nello specchio
come fosse il mio ritratto
e mi sforzo di pensare
dove l’ho già incontrato.

Il tempo intanto scivola
e non trovo le parole per dire
la paura di rileggere la storia
in un ritaglio di giornale.

Così rammendo e cucio
cose che più non riconosco
e giro lo sguardo altrove
sul me stesso che non trovo.



*
Poveri strumenti di congiunzione
tra qui e l’altrove sono i versi
che errori di distrazione
possono uccidere senza clamore.

Talvolta la salvezza è nell’improvvisazione
maschera che cela persino il dolore
ma quel che servirebbe è un po’ di prospettiva,
rigore e solida memoria.

Ma in tasca ho un indirizzo sbagliato.

(p. 73)


PICCOLO REQUIEM                                                         

Introito

I.
Cade la sera
tra i morti in attesa
sale il ricordo
della cenere sparsa
tra le gocce
dell’ultima pioggia.

II.
Tutto cambierà quando i morti
saranno svaniti nel taglio del pane
appena sfornato.
Poi, di tanto in tanto, potranno tornare
a farci un saluto tra le foglie
del basilico da trapiantare.

(p. 95)

Leggi anche, nel blog:
Recensione a: Incerto confine di Stefano Vitale
Luce rubata: inediti di Stefano Vitale
Poeti (di Torino) in 10 righe # 16: Stefano Vitale




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...