Matteo Piergigli: da “malattia senza nome”, inediti


malattia senza nome

quello che non so
sferraglia nei carrelli
del Centro Commerciale
buoni pasto tre per due
a colmare la polvere
di scarto il dolore del mondo

*
di taglio in taglio
è novembre sui vetri
delle case mangio morti
per sentirmi vivo questo
senza un dolore sordo

*
tra le parole e nulla
cresce l’amore di taglio
in taglio orfani strappati
lungo il bordo

*
lo sbaglio ero io
lo porto dentro
ancora parla questo
tutto questo niente

*
una lontananza si perde
torni in forma di macchia
quando piove il principio
la fine la vita che rimane

*
ti scorgo appena
un nome qualsiasi
poco meno di niente
un sorriso miserabile
nel freddo

Leggi anche, nel blog:
Matteo Piergigli: sette frammenti inediti, del 21 aprile 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...