da Aeropoema, di Mario Baudino

da: Mario Baudino, Aeropoema, Guanda, 2006

Epilogo
(Versi d’amore scritti all’arrivo)

Di queste pietre in forma di piramidi
di questi
casamenti che senza sosta salgono
e si moltiplicano e tracciano
tracce d’umano ovunque, tu diresti
allora, di questi incantamenti e queste terre
ombre che non si vedono, solo
si sospettano a volte
dimmi
e non guardare con quella faccia
almeno
adesso
che non sono né stanco né eccitato
e si distilla una sommessa pace
(comincia dalle gambe, sale
come un torpore o un brivido vaghissimo
come un sospiro della carne, umido)
e ascoltami se ascolto

Ora che è notte a casa nostra molto
fonda e tu dormi a questa sola
realtà riesco a pensare
troppo evidente e muta
ora che l’ombra cui non so
dare un nome
ora che l’ombra è ombra
previsione

non c’è buio sicuro
di lenzuola
e un altro malcerto, alla sorte
esposto, ora
le ombre non rispondono

diamo risposta al buio dell’amore

(pag. 77)

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...