Poeti (di Torino) in 10 righe # 34: Beppe Mariano

[Visualizza altri POETI (DI TORINO) IN 10 RIGHE]

Beppe Mariano, nasce a Savigliano (1938), termina gli studi a Firenze, si fa cantore della sua montagna totemica (il Monviso) ma è – come ha scritto Giorgio Luzzi – torinese per cultura e frequentazioni. Per vent’anni ha collaborato alle pagine culturali de La Gazzetta del Popolo e di Stampa Sera. E’ stato anche poeta visivo. La sua produzione poetica, non si è esaurita in quella antologizzata ne Il seme di un pensiero. Poesie (1964-2011) (Aragno, 2012, pref. G. Conte) con testi dai volumi da Verde Celeste Sclin (Il Bagatto, 1980) a Mòria e Mistà. Ballate dei monti perduti (Achille e La Tartaruga, 2009). Ulteriori opere sono, infatti, Attraversamenti (Interlinea, 2018), Il Monviso e il suo rovescio (Mursia, 2019) e La guerra di Annina e i camminanti (Di Felice, 2021)


Nel suo ampio percorso Beppe Mariano ha attraversato e frequentato vari areali e registri poetici e artistici, dalla poesia visiva, alle influenze mitomoderniste (“Quando tra me pronunciai le prime volte il termine ”mitomodernismo”, pensavo a un libro così [G. Conte in Il seme di un pensiero]), laddove campeggia l’epica della Montagna. Vive e multidirezionali le sue attenzioni, con variegati risvolti tecnico-formali, al realismo, al simbolo, alla tragedia, ma sempre usando modalità personali, capaci di rinnovarsi senza snaturarsi, di innervarsi di amara ironia, di attenzioni al contemporaneo, di antiretorica. “L’impegno civile e la tematica amorosa, le diverse scelte di linguaggio, il tono ironico, l’immanenza e lo scorrere del tempo possono costituire altrettante porte di accesso alla sua poetica.” (L. Cannillo)



* * *

Ho in faccia il Monviso materno.
Lo avvicino col binocolo,
cerco in ogni sua ruga
il possibile accesso segreto.
Il sentiero prescelto s’inerpica
tra selve inquietanti, gole
contro un cielo presago di neve.
Lungo il suo dorsale sto salendo.

Osservato mi sento, perquisito
con binocolo dall’altro me stesso.

(da Scenari di congedo, Genesi, 1996; in Il seme di un pensiero, Aragno, 2012, pag. 155)




Comincia la parola

Sfiorato da più macchine furenti
mi rifugio nell’ingresso di casa
dove triste indugio, sopraffatto
da un groviglio di motorette,
qualche disfatto mobile, qualche
siringa, giornali dimenticati,
e altri sfregi condominiali:

L’ascensore è la sola salvezza.

Dal mio terrazzo, finalmente,
lo sguardo si dilata dal torrente
alla campagna, alle lontane città
appena visibili, o soltanto immaginate,
più in là del Monviso e d’ogni
oltranza, là dove l’occhio manca
e comincia la parola.

(da Il sorriso e le lune del Monviso, Joker, 2000, pag. 39; in Il seme di un pensiero, Aragno, 2012, pag. 265)




L’avanzo

L’automobile s’era fermata.
S’impuntava come un mulo carrettiere.

Non voleva saperne di ripartire.
In officina il motore è stato smontato e rimontato.

Dopo molte cristonerie del meccanico e mie,
alla fine è ripartita. Eppure non avrebbe dovuto,

perché un pezzo misterioso avanzava:
a guardarlo mostrava una sua informale forma,

quasi si fosse staccato da un dipinto di Riopelle.
L’avanzo è stato a lungo indagato.

Non si è capito quale funzione avesse all’interno
del motore. Per me ha finito per simboleggiare

il libero arbitrio; per il meccanico lo smacco
di un sistema che credeva di precisione.

Da allora l’automobile ha tuttavia continuato
a funzionare. Quel pezzo avanzato è diventato

un fermacarte della mia scrivania; ma soprattutto
un arcano, che interrogo ogni giorno.

Sembra riemerso, o sfuggito alla riorganizzazione
tellurica degli inizi. Perfino nell’officina di Dio
non fu previsto l’avanzo del Terzo Giorno.

(da Attraversamenti, Interlinea, 2018, pag. 56)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...