“colpevole custode”, inedito, di Luca Gilioli

Ph. di A. R., Santuario della Madonna del Viri Veri, Ronsecco (VC), 1 giugno 2020



colpevole custode

come una stilla dopo un’altra stilla,
l’uomo oblia i nomi che ornano il giardino:
dei fiori, che del prato paion spilla,
l’etimo non serbò lungo il cammino;
e la guazza, che ai primi raggi brilla,
ormai per molti è “l’acqua del mattino”.
d’identità fecondo era il podere.
oggi sempre più arido è il verziere.


Con la leggera stanza in ottava “colpevole custode” Luca Gilioli biasima l’impoverimento del linguaggio, il disamore per la precisione dei nomi, che il poeta (“il custode”) cerca di contrastare con la “parola precisa” e con quel montaliano senso di “resistenza”.
In un mio recente commento alla raccolta del poeta bulgaro Alexander Shurbanov, “Dendrarium”, ebbi occasione di proporre la seguente citazione “anonima”, che mi pare adatto rispolverare in quest’occasione: “C’era un tempo in cui ogni albero, ogni arbusto, ogni erba venivano chiamati col proprio nome. Così gli uccelli del giorno e della notte e le stelle. Poi l’umanità si riversò nella città, confuse le lingue, ma dimenticò i nomi degli alberi, degli uccelli e delle stelle, che si fecero rari. L’impoverirsi del linguaggio ci rese poveri nel pensiero e impauriti nei cuori”. (A.R.)


Luca Gilioli (1984) consegue la laurea in Scienze della Cultura presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Dall’età di sedici anni scrive poesie, con le quali riceve numerosi riconoscimenti in concorsi letterari nazionali. I suoi testi, presenti oggi su antologie e riviste edite da primarie case editrici, sono stati tradotti in lingua francese, spagnola e ungherese. Le sue raccolte poetiche s’intitolano Orionidi (Bernini Ed., 2011), Dodici (Ed. Il Fiorino, 2012) e Di mossa in mossa (Ed. Il Fiorino, 2020). In seguito al terremoto che ha colpito il territorio della “Bassa modenese” nel 2012, Gilioli ha curato assieme alla scrittrice Roberta De Tomi l’antologia poetica solidale La luce oltre le crepe (Bernini Ed., 2012). Parallelamente alla collaborazione con varie riviste letterarie, Gilioli svolge l’attività di correttore di bozze.

Leggi anche, nel blog:
Luca Gilioli: “Lo sguardo fuori”, inediti, 24 febbraio 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...