Rosanna Frattaruolo: inediti da “Fegato in cartolina”

Ph.: Rosanna Frattaruolo, ottobre 2021© (per gentile concessione dell’autrice)


da “Fegato in cartolina
inediti, 2021

i

da tempo la dama bianca dimora nelle mie stanze
dicono arrivi dal regno delle nevi
leggera impalpabile cammina sul nastro di Möbius
non temendo il mio precipizio

e sulle pareti del sogno lascia frattali e teoremi
dimostra assiomi alla mano
quale impossibile equazione io e te siamo

la dama s’aggira padrona
e strette alla cintura
ha le chiavi della mia sanità mentale

eccola specchiarsi nel filamento
verde del tuo severo sguardo
e sulla lingua ispida che mi pungola il petto

nascosto é il suo piccolo seno

sa chemisette blanche misura i fianchi stretti
su cui posi i tuoi artigli i tuoi pensieri erettili

vacilla la mia fede



vi

è sul fondale che ho trovato depositate alcune verità
quelle pesanti difficili da far emergere
più mi spingevi giù più le riconoscevo
poi ho dovuto prendere aria
tornare alle superfici lisce

quale verità merita l’annegamento?



xi

stare nella poesia
mi chiude gli occhi al mare
oggi ho l’urgenza di dire
e soprattutto di non dire
l’equilibrio richiede fatica

a volte cadere è la cosa più comoda



xiv

la trasparenza è garantita
riesco a guardare il fondale
l’unico agguato può essere alle spalle
spero che la bestia sia enorme
e mi ingoi tutta intera
che non lasci brandelli doloranti in giro
o spiragli di salvezza



xxiii

dovrei ingoiare i semi di loto che hai raccolto
farli fiorire sul dolore per dimenticarlo
dovrei stendermi come foglia acquatica
che non teme l’attraversamento dei flutti



xxviii

racconta la sua prima volta con mio padre
sotto un albero di ulivo
non ha più senso del pudore
ma credo non l’avesse neppure prima
quando mi induceva all’elemosina
ha fatto tante cose nella vita, dice
ha raccolto le mandorle e le olive
ora vuole tornare in Germania
conta ancora fino a dieci
eins zwei drei vier fünf

“rosanna mia rosanna in fior
tu sei la bella tu sei l’amor”
canta e mi sorride

per assurdo le credo



Rosanna Frattaruolo, laureata in Economia, dalla Puglia si trasferisce in Piemonte dove attualmente vive a Rivarolo Canavese, occupandosi di consulenze fiscali. Nel 2017 esordisce in poesia con Fragile, ed. LunaNera. Alcuni dei suoi testi poetici e racconti per l’infanzia sono pubblicati in antologie e blog letterari, riviste e quotidiani tra cui La bottega della poesia, la rivista online Arenaria diretta da Lucio Zinna. Dopo aver intervistato alcuni protagonisti significativi del panorama artistico, letterario e delle arti figurative in genere, dal 2019 è redattrice nel blog di letteratura larosainpiu, curando la rubrica In poesia. Dal 2020 nell’ambito dell’associazione culturale Periferia Letteraria collabora nell’organizzazione e realizzazione di eventi culturali. Nel 2021 pubblica Le case con gli occhi verdi, Babbomorto ed. e nel 2022, con Rosanna Spezzati, Decostruzioni e ricostruzioni – esercizi allo specchio, Quaderni di poesia n. 5, RP libri Ed.



Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...