Un testo da “Monologo del sorriso”, inedito, di Carla Paolini

Ph.: Il violinista che ride, di Gerrit van Honthorst (1624), dettaglio


Monologo del sorriso

Chi vi ha detto che per me è facile?

non avete idea del travaglio
per apparire in faccia a qualcuno
io porto disordine
accendo un caos di violazioni
che scuciono l’articolazione del viso
costringono gli occhi ad illuminarsi
le guance a sciogliere l’ormeggio dei muscoli
le labbra a fare strechting
sull’impaginazione dei denti

è una deflagrazione apocalittica
che si estingue nella sua bastevolezza

dopo aver dato tutto
quel che più fa male
è sentirsi spegnere senza movente
mentre dall’uno all’altro si insinua
che non sei stato nient’altro
che un’anomalia espressiva



Carla Paolini è Laureata in lettere con una ricerca sulla retorica per immagini nella pubblicità. Partecipa, in collaborazione con altri artisti a progetti per varie manifestazioni culturali e a reading di poesia. Ha pubblicato numerose sillogi poetiche: Impronte digitali, 1993; Diverso inverso, 1995; Una x Una, 1998; Ai cancelli del flusso, 2001; Amori diVersi, 2002; Modulati modulati, 2004; Installazioni, 2015; la più recente Most in translation (Italic, 2021) con testo a fronte in inglese  e  ampia  premessa sul tema del tradurre e del tradursi. Ha inoltre pubblicato una trilogia di  racconti e il volume di favole: Gli oggetti da favola. Ha tradotto dall’inglese il Book IV – cap. I, del Finnegans Wake di James Joyce – mai prima tradotto in italiano. Pubblicato nel 2018 negli Annali dell’Università’ di Siena, con prefazione di Alessandro Fo.
website: www.carlapaolini.com

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...