Selezione di testi da Custodi ed invasori, Mimesis-Hebenon, 2005


da Torri d’oltrefiume

(Cadevano cose d’ogni genere…)
La questione del nibbio
(Questo è il campo dei suoni senza luce)
(Sto fermo nella notte innanzi al fiume)

da Typi et simulacra

(Acque fossili abbracciano la pioggia…)
(Dov’è il demiurgo, l’artefice minimo)
(Qui nessuno conosce il proprio nome)
Sul seme e sul tempo

da L’evaso

(Fuggiremo la notte che verrà)
(Con cavalli e cani lupo i gendarmi inseguirono tra i boschi il fuggitivo)
(Non ha importanza il grado)
(Può essere che il vecchio carceriere)

da Epimnesie

(La vecchia casa era ben soleggiata…)
(La luna ed il lampione…)
(Guardavamo gli oggetti vanagloriosi…)
(Sono cresciuti arbusti d’ogni tipo)