Poeti (di Torino) in 10 righe # 3 – Augusto Blotto

[Visualizza altri POETI (DI TORINO) IN 10 RIGHE]

Augusto Blotto,  (Torino, 1933) è forse il più prolifico poeta italiano, autore una sterminata serie di volumi di poesia: “59 volumi di cui 22 editi e 4 attualmente disponibili in rete” precisa la quarta di I mattini partiviPoesie per un angolo di pianura 1951-2012, Nino Aragno Ed., 2013. Le biografie riferiscono dell’esordio con Magnanimità (1951),  Schwarz 1958 e che tra il 1957 ed il 1968 pubblica con Rebellato ben 17 volumi di poesie. Dopo il citato I mattivi partivi, Blotto ha pubblicato ancora In Francia e Autunno, Ed. Coup d’Idée, 2015 e Veramente, quando,  ADV Advertising Company, 2016 e disposto sul suo sito (http://www.augustoblotto.it/home.html) una gran parte della sua produzione inedita.

La questione linguistica è talmente soverchiante, in tutta la fluviale produzione di Blotto, che è stata inevitabilmente posta al centro di quasi ogni esame critico della sua poetica che, estendendosi per oltre sessant’anni, s’imbatte nei residui tardo ermetici e nelle stagioni del neorealismo e della neo-avanguardia, restando fedele alla primazia di un lavoro “ lessicale più che sintattico” (G. Tesio), teso,  attraverso una straordinaria inventiva verbale, alla “costruzione di un linguaggio e dar voce a uno stile”. Nelle “migliaia di pagine [nelle quali] il poeta si inventa un suo linguaggio di demenziale protervia inventiva” (U. Eco) vengono compresse, ma non tacciono, altre questioni fondamentali quali la cifra visiva-visionaria dell’autore e l’oscurità del dettato.

http://www.augustoblotto.ithttps://it.wikipedia.org/wiki/Augusto_Blotto


* * *  

I mattini partivi quando ombra queta
dalle gronde arrossate immobilmente
ascoltava madrepora che andava
rosa-nerastra, fiati, fumi, ultime
nuvole della notte sulla città
senz’uomini, tagliata coi vialetti,
fontane sonore vanamente,
le conchiglie di polvere alle piazze
ove i passi gelati sono ricordo in navette
fumose, del terriccio quasi celeste.
Odore di benzina
e pino nel chiaro
d’alba come
ricordo. Pastoso
m’abbracciava litaniando l’arancio sul verde,
entrambi nel cielo, ancora come buio,
poi nascevano a svolti i frutti dei binari
rossi e sola l’ombra
d’una chiesa oltre il perdersi di fili
limacciosi, le pieghe del deposito
a cupola sulle tornanti locomotive,
come fanciulle stanche, e le azzurre
altre locomotive al focolare umide
– verde cigola un pendolo di vapore
e ingenuità, chiarezza d’una bambina imprevista –
screziate dalla pioggia,
l’ombra sola
di chiesa verdeggiante alla brumale
natività respirava coi passeri
supini alle campane ferme.
Voci
d’operai
rosso argento,
per vie
di città come alla solitudine
dei campi.
Poi veri campi di distesi passeri
folli alle stoppie, ondulazione tinnula
all’infinito di rugiade: pagliai
scoloranti nell’acque di pianura,
laghetti di sovrana calma ai marci
solchi di nero struggente sul rosso
azzurro fantasiare delle acque
quasi immobili: il sericeo
vento alle orecchie in cricchi duri, amato
risvegliarsi di falci in alto argento
oltre le siepi, ignote, come testamenti
gomiti delle donne agre ancora
del volume ceruleo d’appannato
sonno, e alle prime erbe non potevano
cantare nell’umido: fontane;
discorsi
legati col silenzio di finestre
verdi, in paesi presto dimenticati;
e le argille più scabre, la ricchezza
dei castagni alle curve pure, parapetti
luminosi nel mattino di querce chiare,
tabernacoli, vuoti, pasciuti;
già pascoli di meraviglia
e sole inavveduto;
prolungamento preparato di muscoli
verso una vetta boschiva e di brume
pesanti ancora là in bottiglione grigio sul verde…

maggio 1951, da Magnanimità, Schwarz, Milano 1958, in I mattini partivi, Nino Aragno Ed., 2013, pag. 6



* * *

Ma il filtro che il crogiolo del silenzio
aguglia in un “è vero!” esclamato in fibula
di candela, tanto le soddisfazioni oltre‑paèsano,
appone i testi – da mattone – del lago
cui la fattura liquida non sceglie: appièna
roselline di soggiorni in grembiali di cacao,
ortènsia le ghiaie che spengano un senziorino d’odore
quale la bretella d’una colazione sognante
o che nessuno intercida più, frutta sucida
del futuro, cui padigliona l’assenza
del rumore, in uno scavalchino (l’attesa)
(asola bianca)

E attorno generosi bastìdino il parlare,
nello scottar tepore gota di “Stare!”,
come sciami di afferenti:
muretti, bestiole, da dio
degli accenni udirli, di rumore, nel sole
pavanante (un condurre…) sopra le serpicine, scricchiolo
la gambina del fastello, morellato dal sole
ch’è un torace riquadro di sughero e illuminato
(velario come un telaio; il freddo)

Lugano Gandria, febbraio 1991
da Poesie Ticinesi, alla chiara fonte, 2012, pag. 15




* * *

La sciabola gonfia di un rio che oscilli spine
e fronde color ramarro, presso osterie
cigolanti di portelli e rinomate
codardamente per trippe e crinoline
di fiori che, tigli, nei bicchieri
uno se le ritrovi, non lontànano
(anche proprio con lo psico, col nostro sudore
intraveduto, l’imbuto d’arancio carne
che sovente vogliamo vederci – di sbieco -)
dagli sterri spaccati che una botola
di fogna, anzi un tubo di cemento
che sia stato parzialmente schiacciato
da un autocarro gommoso, olivìgnano,
del venticello grigione-sassifraga,
o mormorio, che la periferia
pòlvera di carpenteria, lume di strusciare

Muoversi nel colorato saporoso
d’una mattina colombato da nuvole
quasi da Senna che sia straripata
– un pochino – ad Argenteuil, còrpora
di particelle l’atmosfera primulea
di enunciar vivande al cammino, ribordo
di tovagl’angoli mattone e argento!

L’imminenza che ci sia tempo ancora,
tanto, non nega il sorbir beoto
tazza di chimera e spezie, quel fin-di-labbro
che indaga la notte e la cerchia di mastice
a onda di gromma, infuso di cometa
conoscente la coppa del buio, quel d’orlo

E la ricostruzione di maneggiare
rompicapo logistici, poveracci
in verità, allenta e tende fettuccia
delle membra destinate a portar vestito
che in colloquio con la mente non la smette
di camminare intanto un’idea di
                                                             mondo

se vuoi cominciare ad accontentarti (purché
tu non disdegni i pezzetti che ti càpitano,
servil imbattersi tra denti e piedi
cioè)
………..
………..
………..

aprile 2012, da Ragioni, a piene mani, per l’”enfin!”, in I mattini partivi, cit., pag. 106

Per visitare il sito: Home Chi sono / Pubblicazioni / Saggi e letture  / Eventi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...